Liguria24 - Liguria Notizie in tempo reale, news in Liguria: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nadia Pizzo, la sanremese che ha portato sardenaira, basilico e olio d’oliva nei ristoranti del Brasile

Sanremo. Ho sempre amato cucinare. Fin da bambina aiutavo la nonna e la mamma dietro i fornelli, le affiancavo nella preparazione delle ricette di famiglia tutte a base di quelle verdure che con dedizione coltivavamo sulla nostra terra. Tradizioni agroalimentari che ho portato con me in Brasile facendole rivivere sulle tavole dei ristoranti di San Paolo e Rio de Janeiro”. Venticinque anni fa la sanremese Nadia Pizzo è volata nel paese carioca per coronare il suo sogno d’amore. In valigia, una laurea presso l’Istituto Marangoni di Milano, esperienze lavorative di grande prestigioso, tra cui quella come stilista per la casa di moda di Yves Saint Laurent, e soprattutto un ricettario fatto di sapori e saperi tramandati di generazione in generazione.

Cresciuta nella piccola frazione di Bussana, Nadia ha trascorso l’infanzia nell’azienda agricola familiare apprendendo presto i segreti della produzione dell’olio d’oliva, del vino e anche delle conserve di pomodori. In Brasile si è trasferita dopo aver incontrato un ragazzo con il quale è convolata a nozze appena un mese dopo. “È stato amore a prima vista – ricorda –. Mi trovavo in vacanza a San Paolo, lo conobbi e non lo volli più lasciare. Ho preso la mia decisione in un istante. È avvenuto tutto per caso, come del resto tutto quello che è accaduto nella mia vita. Una volta trasferitami, infatti, inizialmente mi sono dedicata al settore della moda, quello per cui avevo studiato, una sera di quasi quindici anni fa, però, sono stata invitata a una cena e il caso ha voluto che incontrassi il fondatore della catena di ristoranti più rinomata e diffusa del Brasile, Rascal, il quale, attratto dalla mia terra di origine, mi ha offerto un posto di lavoro come chef executive”.

... » Leggi tutto

Più informazioni su