Liguria24 - Liguria Notizie in tempo reale, news in Liguria: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Assolto il giornalista querelato da Alice Salvatore per aver accostato esponenti del M5S al “clan Mafodda” di Taggia

Genova. E’ stato assolto in primo grado dal reato di diffamazione perché il fatto non sussiste il giornalista e scrittore Antonio Amorosi, che nell’ambito delle elezioni regionali del 2015 aveva accostato il M5S, ed in particolare il candidato Daniele Comandini, alla criminalità di stampo ‘ndranghetista e per questo motivo era stato denunciato da Alice Salvatore, all’epoca dei fatti candidata governatrice della Regione Liguria per il M5S.
Nell’assolvere l’imputato, il giudice del tribunale di Genova, dottoressa Clara Guerello, ha tenuto conto del fatto che la stessa Salvatore aveva “riferito dell’amicizia tra Comandini e Mafodda (figlio del boss Palmiro e residente ad Arma di Taggia, n.d.r.) peraltro più volte ritratti insieme in pubbliche occasioni durante la campagna elettorale”, si legge nel testo della sentenza. E ancora, sempre riferito alla Salvatore, “avendo la stessa ammesso di essere a conoscenza dell’appartenenza del padre del Mafodda (Palmiro Mafodda) alla criminalità organizzata ndranghetista e che, per tale motivo, egli era stato coinvolto nell’inchiesta Maglio 3”.

A difesa di Antonio Amorosi, che nel proprio sito internet aveva pubblicato un articolo dal titolo “Lite M5S: il capolista è vicino ai boss” nel quale accostava alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle alla malavita organizzata, era stato ascoltato anche Christian Abbondanza, responsabile della “casa della legalità” che all’epoca dei fatti si occupava di monitorare tutti i candidati alle elezioni e che per questo era stato contattato dal giornalista che gli aveva chiesto tutta la documentazione relativa alla famiglia Mafodda.

... » Leggi tutto

Più informazioni su