Liguria24 - Liguria Notizie in tempo reale, news in Liguria: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, presidente Toti: «Nessun caso sospetto»

Genova. «I nostri esperti ci hanno confermato che non c’è nessun caso sospetto di coronavirus: lo studente genovese del Conservatorio non costituisce un caso. Si è trattato di un cittadino cinese trasportato all’ospedale San Martino e visitato dai medici, che hanno escluso che si trattasse di un caso sospetto e lo hanno rimandato a casa. Per quanto riguarda il test eseguito sul cittadino di Sanremo in isolamento volontario, ha dato risultato negativo. Serve dunque la massima prudenza da parte di tutti: l’invito è quello di attenersi alle indicazioni del ministero e del Dipartimento nazionale di Protezione civile per la definizione di ‘caso‘sospetto’. L’attivazione del protocollo previsto a livello nazionale non comporta di per sé la presenza di un ‘caso sospetto’, che diventa tale solo a seguito degli accertamenti da parte degli specialisti». Lo dice il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti dopo la diffusione di informazioni circa uno studente del Conservatorio Niccolò Paganini di Genova portato all’ospedale policlinico San Martino a seguito di alcuni sintomi influenzali, visitato dai sanitari e rimandato a casa non trattandosi di un paziente a rischio.

Il commissario di Alisa Walter Locatelli ha sottolineato il grande supporto offerto dalla task force ligure, una struttura formalizzata con atto amministrativo, in grado di fornire un apporto professionale e scientifico alla Liguria. «Esiste un protocollo ligure, frutto dell’esperienza dei nostri specialisti – ha detto Locatelli – che, per prudenza, è stato ulteriormente ampliato e condiviso oggi in sede di conferenza Stato-Regioni dalla vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale. In pratica, il protocollo ligure, prevede l’estensione anche agli adulti delle misure disposte dal Dipartimento nazionale di Protezione civile e dal ministero della Salute nei casi di studenti che rientrino da aree a rischio. Ringrazio tutti i professionisti che hanno fornito il massimo supporto, a cominciare dal prof. Bassetti, dal prof. Icardi e dal prof. Ansaldi, contribuendo ad estendere il documento condiviso dalle regioni, con l’obiettivo di garantire la popolazione anche con un’informazione corretta».

... » Leggi tutto

Più informazioni su