Liguria24 - Liguria Notizie in tempo reale, news in Liguria: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, Toti: “La curva del contagio rallenta, ma il numero dei decessi resta alto”

Regione. “Oggi il numero dei casi positivi è di 2026 (162 in più) il numero è in calo rispetto a ieri e questa è la prima buona notizia della giornata, ma si tratta di un dato da confermare nel trend dei prossimi giorni. Stiamo raggiungendo la soglia del contagio epidemico. I tamponi positivi sono inferiori, gli ospedalizzati crescono di 124 persone di cui 147 in terapia intensiva, come ieri. Segno che il vero fronte di tenuta del sistema si sta spostando sui letti di media intensità dove prevedevamo di approntare un numero di letti pari a 900 e siamo arrivati a 1074 con uno sforzo enorme da parte del sistema. I posti di terapia in tensiva dipendono dalle persone che escono dalla fase acuta della malattia e purtroppo dal numero di deceduti che oggi è un numero importante nella regione. Al domicilio abbiamo 750 persone oggi, crescono, le clinicamente guarite al loro domicilio sono 202 (più 28 rispetto a ieri); i guariti con doppio test negativo sono oggi 23 crescono di 4 unità e i deceduti arrivano a 254. Un numero pesante, ma siamo orgogliosi del fatto che abbiamo 160 terapie intensive a disposizione della regione, un numero importante”. Sono questi i numeri della giornata comunicati oggi dal presidente di Regione Liguria Giovanni Toti nel corso del punto sull’emergenza Covid-19.

“La curva del contagio rallenta, ma non vuol dire che scende – ha sotolineato Toti – cresce meno vorticosamente dei giorni passati e questo ci dice che siamo arrivati al picco dell’epidemia, ma anche se la curva rallenta la sua ripidità, oggi gli ospedali sono pieni di persone che si sono ammalate nei giorni passati. Essendo la degenza del Covid molto lunga. Ogni malato in più significa uno sforzo straordinario della sanità. Le misure di distanziamento sociale stanno funzionando perché fanno calare i numeri e questo ci dà un po di sollievo. Devo ringraziare la sanità che questa notte ha fatto un lavoro straordinario per garantire a tutti le cure appropropriate”.

... » Leggi tutto

Più informazioni su