Quantcast
Liguria24 - Liguria Notizie in tempo reale, news in Liguria: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Festa della Donna, la mimosa made in Liguria ancora una volta protagonista dell’8 marzo

Genova. Con un leggero anticipo sulla fioritura, anche quest’anno la mimosa Made in Liguria non ha deluso le aspettative del mercato in quanto a quantità e qualità: il vivace ramoscello giallo, coltivato per il 90% proprio nella nostra regione, sarà l’ omaggio floreale più ricercato a livello nazionale ed internazionale per la Giornata della Donna.

É quanto afferma Coldiretti Liguria, per sottolineare una stagione del fiore simbolo dell’8 marzo più nella norma rispetto a quella dell’anno scorso, che attesta il prezzo medio dagli 8 ai 10 euro al kg per i mesi di fioritura (febbraio/marzo), mentre l’ormai riconosciuta qualità e notorietà del fiore ligure continua a spingerlo sul mercato nazionale ed internazionale. La mimosa ha avuto origine dell’isola di Tasmania, in Australia, ed è stata introdotta come pianta ornamentale in Europa a partire dal 1800 per il suo caratteristico fiore piumoso dal colore giallo intenso e profumo inconfondibile. Temendo gli inverni troppo rigidi si è adattata molto bene alle zone temperate soprattutto del ponente ligure dove la floricoltura è un settore di punta dell’economia locale. E’ apparentemente un fiore fragile, ma riesce ad attecchire su qualunque terreno, ed è per questo, oltreché per il fatto di fiorire anticipatamente rispetto alla primavera astronomica, che è da sempre stato associato al genere femminile, diventando simbolo dell’8 marzo. Ma facendo un balzo nella storia, anche secondo i nativi americani regalare un ramoscello di mimosa alla donna da conquistare simboleggiava la sua forza, la stessa forza, che a distanza di secoli si può usare per fare la differenza in un momento come quello che stiamo vivendo a causa della pandemia.

... » Leggi tutto

Più informazioni su