Altre News

Il Comune chiede agli alassini di segnalare la via Augusta al Governo per farle rifare il look

Il Comune chiede agli alassini di segnalare la via Augusta al Governo per farle rifare il look

Alassio. L’Amministrazione Comunale di Alassio invita i cittadini a segnalare la Via Julia Augusta al Governo per un suo rilancio (tenuto conto anche del recente investimento di 370 mila euro per la messa in sicurezza). Per recuperare i luoghi culturali dimenticati, fino al 31 maggio, tutti i cittadini potranno segnalare all’indirizzo di posta elettronica bellezza@governo.it un luogo pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività o un progetto culturale da finanziare.

“Abbiamo individuato la via Iulia Augusta, per la sua inestimabile importanza storico-culturale, quale luogo che i cittadini possono segnalare tramite mail” spiega il Sindaco che aggiunge: “Ricercando ‘via Iulia Augusta” su Google, al primo posto, immediatamente dopo Wikipedia, si colloca la sezione tematica del portale turistico del Comune di Alassio dedicata all’antica strada romana. Restano ancora alcune ore: invitiamo tutti i cittadini che hanno a cuore il nostro territorio a segnalare la strada al Governo, basta inviare una mail. Siamo certi di ottenere un grande risultato”.

Una commissione ad hoc stabilirà a quali progetti assegnare le risorse. Il relativo decreto di stanziamento fondi da parte del Governo sarà emanato il 10 agosto 2016. La mail che ogni cittadino può inviare entro il 31 maggio potrà essere così composta: “Oggetto: Recupero dei luoghi culturali dimenticati. Testo: Gentile Governo, sono un cittadino di Alassio, comune in provincia di Savona. In merito alla campagna bellezza@governo.it, segnalo che la via Iulia Augusta, presente nel mio Comune, necessita di un intervento di recupero per tornare a essere utilizzabile dalla comunità, considerato che è un luogo che racchiude l’identità del nostro territorio e potrebbe rappresentare una risorsa turistica straordinaria nell’ambito del patrimonio culturale italiano”.

» leggi tutto su www.ivg.it