Economia

Rete Imprese Italia in audizione alla Camera su correttivi al Jobs Act

Rete Imprese Italia in audizione alla Camera su correttivi al Jobs Act
ROMA – Si è tenuta, di fronte alla Commissione Lavoro pubblico e privato della Camera, una audizione di Rete Imprese Italia  che ha valutato i correttivi ad alcuni decreti attuativi del Jobs Act.
Per quanto concerne la riforma sui voucher, secondo Rete Imprese Italia – anche se l’obiettivo di garantire la piena tracciabilità dei voucher, soprattutto per contrastare la concorrenza sleale a danno degli imprenditori che utilizzano correttamente questo strumento – appare condivisibile, nella pratica attuazione, però, bisogna evitare che il nuovo intervento normativo sia in contrasto con le esigenze di semplificazione che devono improntare ogni intervento normativo. Lo scotto da pagare, diversamente, potrebbe essere quello di alimentare il lavoro nero.
I criteri, inoltre, devono essere validi per tutti i settori e le tipologie di rapporto di lavoro, senza introdurre, come invece fa questo provvedimento, ingiustificate differenziazioni. Secondo Rete Imprese Italia lo strumento dei contratti di solidarietà è segno della volontà di tutelare efficacemente l’occupazione e lo sviluppo del lavoro, abbandonando la logica di mera tutela del reddito che per molti anni ha accompagnato le politiche sociali. La scelta del legislatore è condivisibile perché idonea a evitare comportamenti opportunistici. Positiva, a giudizio di Rete Imprese Italia, la misura per mettere a disposizione dell’Anpal (Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro) le informazioni di una serie di banche dati pubbliche, tra cui quella dell’Agenzia delle Entrate. Bene anche la chiarezza introdotta in maniera netta sui poteri di vigilanza, controllo e scioglimento dei Fondi interprofessionali attraverso la definizione delle attribuzioni di Anpal e Ministero del Lavoro.

» leggi tutto su laspezia.cronaca4.it