Altre News

Nel paese fantasma di Monesi gli abitanti tornano accompagnati dai pompieri

Nel paese fantasma di Monesi gli abitanti tornano accompagnati dai pompieri

Mendatica. “Monesino” e Piaggia, i due paesi simbolo dell’alluvione della settimana scorsa, sono tornati ad essere abitati, seppur per poche ore, dai proprietari delle case lesionate dalla paleofrana.  Scortati dai vigili del fuoco sono entrati nelle loro abitazioni per ritirare oggetti e ricordi.

“Vedere questa gente tornare nelle loro case – dice Walter Gandolfo, titolare del ristorante Da Settimia – fa davvero male al cuore. Io stesso ho avuto paura di perdere tutto. Per fortuna la pioggia ha solo allagato il pavimento di casa. Ora siamo preoccupati perché non sappiamo quando questa zona tornerà ad essere abitata ed è a rischio tutta l’economia del parco delle Alpi Liguri”.

La pensa allo stesso modo anche Ivo Alberti, sindaco di Briga Alta. “Piaggia è isolata e la gente ha dovuto abbandonare il paese per ragioni di sicurezza – dice – Ora attendiamo che le amministrazioni provinciali di Cuneo e di Imperia possano mettere in moto la macchina per ripristinare la strada di Upega interessata da due frane. Per il resto saranno necessari interventi di somma urgenza per mettere in sicurezza tutta l’area perché il problema potrebbe ripresentarsi se dovesse piovere come la settimana scorsa”. Ma c’è anche una notizia positiva: “Secondo le ultime perizie geologiche – dice il sindaco – pare che la frana si stia stabilizzata. Speriamo bene”. E bene ricordare che sia a Monesi di Mendatica che a Piaggia di Briga vige l’ordinanza dei due sindaci che vieta ai proprietari di poter restare nei due paesi.

» leggi tutto su www.riviera24.it