Cronaca

Depurazione, inaugurata la nuova condotta sottomarina della Darsena

Depurazione, inaugurata la nuova condotta sottomarina della Darsena

Genova. Completata con un anno e mezzo di anticipo sui tempi previsti la nuova condotta sottomarina per il depuratore della Darsena. L’importante opera infrastrutturale è stata inaugurata questa mattina, con le diverse fasi di lavorazione, comprese quelle subacquee presentate in un video realizzato dalla Città metropolitana con Iren, alla Sala Blu dell’Acquario di Genova alla presenza del sindaco metropolitano Marco Doria, dell’amministratore delegato di Iren Massimiliano Bianco, del consigliere delegato all’ambiente della Città metropolitana di Genova, Enrico Pignone e di molti rappresentanti degli enti e delle istituzioni del territorio.

“Per la Città metropolitana – ha detto Marco Doria – la depurazione e il miglioramento della qualità delle acque sono priorità assolute e con la piena collaborazione del gestore Iren e degli enti locali siamo riusciti a trovare risposte positive per risolvere questa complessa e fondamentale questione su tutto il territorio metropolitano, come dimostra anche la nuova opera appena realizzata per la Darsena. Il ruolo delle istituzioni è importante e bisogna parlare con chiarezza ai cittadini, con messaggi corretti per dire che i depuratori servono e bisogna farli per il bene di tutti, compiendo ogni sforzo per individuare i siti più adatti.”

Il completamento della condotta sottomarina della Darsena è “una nuova tappa – ha detto Enrico Pignone – dell’itinerario lungo e difficile, ma costante e concreto, per la sistemazione definitiva della depurazione in tutto il territorio della Città metropolitana, autorità d’ambito per il ciclo idrico integrato. In Italia si parla molto spesso di grandi opere e quelle frutto dell’impegno collettivo per la depurazione delle acque nella nostra area metropolitana sono appunto grandi opere, che non impattano ma migliorano l’ambiente, con effetti positivi anche per l’offerta turistica e l’economia del mare.”

» leggi tutto su www.genova24.it