Cronaca

Migranti a Multedo, nessun dietrofront. La Prefettura: “Garantiremo sicurezza e dialogo con cittadini”

Migranti a Multedo, nessun dietrofront. La Prefettura: “Garantiremo sicurezza e dialogo con cittadini”

Genova. Mancano ancora il certificato di sicurezza della struttura che deve arrivare dai vigili del fuoco e quello di idoneità da parte della Asl. Poi i 50 richiedenti asilo faranno il loro ingresso nell’ex asilo Contessa Govone a Multedo. E’ quanto ha spiegato il prefetto Fiamma Spena ai rappresentanti del comitato per Multedo e al presidente del Municipio Ponente Claudio Chiarotti che con il prefetto si sono confrontati per circa un’ora e mezza.

“Il prefetto si è detto disponibile a proseguire il confronto con la comunità – ha spiegato Chiarotti all’uscita dell’incontro – utilizzando come tramite il presidente di municipio ma arrivando anche, se necessario a un confronto pubblico con la cittadinanza. Inoltre, il prefetto ha detto che si assume la responsabilità di questa decisione e che si occuperà che venga garantita la sicurezza”.

A meno di clamorose inidoneità, comunque, di passi indietro però non si parla nonostante sia il Municipio sia il comitato abbiamo sollevato perplessità dal punto di vista della sicurezza: “Ho detto al prefetto che in quella struttura non metterei a dormire nemmeno 50 giovani dell’Erasmus perché la strada è stretta e soprattuto le sere con il Molly aperto non abbiamo la certezza che ambulanze o polizia posano arrivare celermente se succede qualcosa”. Altra questione che è stata sollevata è che la zona di Multedo è a rischio incidente rilevante ma anche in questo caso la risposta è stata il problema dovrebbe però riguardare l’intero quartiere.

» leggi tutto su www.genova24.it