Cronaca

Truffa e circonvenzione d’incapace: agente immobiliare vadese condannata

Truffa e circonvenzione d’incapace: agente immobiliare vadese condannata

Savona. Circonvenzione d’incapace, appropriazione indebita e truffa (relativa a cinque imputazioni differenti). Sono questi i reati per i quali questa mattina un’agente immobiliare di Vado Ligure, Annamaria Ganduglia, è stata condannata a tre anni e sei mesi di reclusione e 3 mila euro di multa.

Il giudice Francesco Giannone ha anche condannato la donna a versare un maxi risarcimento danni complessivo di 141 mila euro a cinque parti civili ed a pagare una provvisionale di circa 50 mila euro per altre due di loro il cui danno sarà poi da quantificare in sede civile.

L’accusa di circonvenzione d’incapace era relativa ad una disabile psichica dalla quale la signora Ganduglia si sarebbe fatta consegnare, in diverse tranche, circa 230 mila euro, ma l’agente immobiliare doveva rispondere anche di aver truffato altre nove persone (da una delle imputazioni è stata però assolta perché il fatto non sussiste) per un importo complessivo di circa 200 mila euro.

» leggi tutto su www.ivg.it