Altre News

Lunedì di Pasquetta ingresso gratuito al Museo dell’Olivo Carlo Carli a Imperia

Lunedì di Pasquetta ingresso gratuito al Museo dell’Olivo Carlo Carli a Imperia

Imperia. Fratelli Carli, la storica azienda olearia di Imperia, nel ponente ligure, che dal 1911 produce e distribuisce per corrispondenza i propri prodotti in Italia e in diversi paesi nel mondo, lunedì 2 aprile terrà aperto, straordinariamente, il suo Museo dell’Olivo Carlo Carli che, per l’occasione, avrà anche ingresso gratuito. L’iniziativa si ripete con successo ormai da cinque anni e coinvolge di volta in volta sempre più numerosi visitatori, imperiesi, italiani in visita in città e turisti internazionali in vacanza nel ponente ligure.

Tante le iniziative anche per i piccini: questi ultimi potranno infatti partecipare a un’avvincente caccia al tesoro all’interno degli spazi museali seguendo indizi preziosi, così come sperimentare l’odore e il gusto dell’olio nello spazio Laboratolio, pensato per loro. Non mancheranno poi le visite guidate per i gruppi. Vista l’affluenza dei visitatori provenienti dall’estero, sono disponibili le audio guide in 4 lingue (italiano, tedesco, inglese e francese) che prevedono un tempo stimato per la visita di almeno un’ora. Questo museo, sorprendente per la sua ricchezza, è l’omaggio che l’azienda ha voluto dedicare alla nobile pianta dell’olivo che da oltre cinquemila anni accompagna la cultura e la vita quotidiana dell’uomo del Mediterraneo.

Recentemente ribattezzato Museo dell’Olivo Carlo Carli, intitolato così al compianto Cav. del Lav. Carlo Carli, che ne fu fondatore, rappresenta la più completa e ampia raccolta presente in Italia di reperti archeologici, oggetti e attrezzi legati al mondo della pianta dell’olivo e dell’olio, dall’antichità ai giorni nostri. Nell’anniversario dei 25 anni del Museo, appena trascorso, proprio a Carlo Carli è stata dedicata una sala: collocata a conclusione del percorso espositivo, questa custodisce i due pezzi più significativi, quelli da cui si è poi sviluppata l’intera collezione, e documenta anche con schizzi, bozzetti e appunti, il nascere di questa istituzione privata che rappresenta oggi la prima attrazione turistico/culturale di Imperia.

» leggi tutto su www.riviera24.it