Quantcast
Liguria24 - Liguria Notizie in tempo reale, news in Liguria: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pronto soccorso al collasso, il 118: “Giusto portare i sospetti Covid in ospedale, prevale la prudenza”

Genova. “I pronto soccorso sono intasati perché la gente ha paura, molti dovrebbero farsi curare a casa“. È la tesi che negli scorsi giorni hanno portato avanti Angelo Gratarola (primario del San Martino e coordinatore di tutto il dipartimento regionale di emergenza-urgenza) e di conseguenza il presidente Giovanni Toti mentre si assisteva al collasso delle strutture invase da ambulanze in coda e pazienti ammassati nei corridoi, situazione che ha fatto scattare anche un’inchiesta della Procura. Ma dalla centrale del 118 di Genova la lettura della situazione è ben diversa: “Se una persona chiama perché si sente male prevale sempre la prudenza e lo portiamo all’ospedale. E ci mancherebbe altro che non lo facessimo”.

A parlare è Francesco Bermano, direttore del servizio di emergenza territoriale 112/118, che il coronavirus l’ha vissuto sulla propria pelle a marzo: “Io stesso, che sono un medico, ero a casa e non riuscivo a giudicare in maniera chiara la mia situazione – racconta a Genova24 -. Sono andato in ospedale, mi hanno fatto una lastra e ho capito che avevo una polmonite interstiziale. Non possiamo dire a un paziente che sta male di starsene tranquillo a casa, se una persona lamenta certi sintomi è normale rispettare il criterio della maggiore prudenza”.

... » Leggi tutto

Più informazioni su