Quantcast
Liguria24 - Liguria Notizie in tempo reale, news in Liguria: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, allarme nei piccoli paesi: “Contagi non denunciati per non farsi chiamare untori”

Genova. In psicologia si definisce “stigma sociale”. È il fenomeno che, secondo l’organizzazione datoriale Unsic, si sta diffondendo nei paesi meno popolati, anche in Liguria, dove  molte famiglie contagiate asintomatiche o paucisintomatiche preferirebbero non rendere pubblica la propria condizione, isolandosi in casa. Troncano per un periodo ogni relazione sociale, evitano di contattare medici ed Asl, non si sottopongono ai tamponi. L’esito è la sottrazione alla contabilità ufficiale del numero dei contagiati.

“Sono atteggiamenti figli di vecchi stereotipi sociali, della diffidenza e della paura di ciò che non si conosce – spiega la psicologa Francesca Cartolano dell’Unsic, che sta approfondendo il fenomeno -. Stigma e vergogna costituiscono un binomio presente e studiato in molte epidemie ed oggi si ripresenta con il Covid-19. All’origine c’è anche un fattore che investe il mondo della comunicazione: l’adozione di un linguaggio non consono e colpevolizzante, caratterizzato da termini negativi, si pensi a ‘untore’, ‘caso sospetto’, ‘infermo’ o ‘isolamento’, e che finisce per perpetuare gli stereotipi esistenti. L’esito, in alcune circostanze, è la preoccupazione per la disumanizzazione del contagiato, per cui molte persone finiscono per isolarsi totalmente, evitando anche di farsi visitare da un medico”.

... » Leggi tutto

Più informazioni su