Politica

Regione, trasporti. Treni pop e rock: «continueremo a chiedere quello che spetta alla Liguria»

Regione, trasporti. Treni pop e rock: «continueremo a chiedere quello che spetta alla Liguria»

Riviera24 - gianni berrino

Genova. «Comprendo e condivido la delusione e la preoccupazione del comitato dei pendolari del Ponente e di Assoutenti. Non si può pensare che la stazione di Ventimiglia, snodo importantissimo perché lì si attestano i treni italiani e francesi, sia, in rispetto di accordi internazionali post bellici, alimentata a 1500 volt, la tensione dei treni francesi. Tensione che non permette ai moderni treni Pop e Rock di entrare in stazione». Così l’assessore ai Trasporti della Regione Liguria.

«Questo preclude ad un bacino di oltre 300.000 liguri e a decine di migliaia di turisti di poter utilizzare i nuovi treni della flotta regionale, e in futuro potrebbe mettere addirittura a rischio la linea regionale – aggiunge l’assessore – Da anni ci siamo attivati come Regione, affinché il Mims, Rfi e Trenitalia, con più azioni congiunte, risolvessero il problema nell’immediato (mediante l’acquisto degli ultimi treni a doppia alimentazione) e in modo strutturale (mediante lavori di cambio della tensione in almeno una parte della stazione di Ventimiglia). La questione è stata anche portata più volte all’interno della Conferenza intergovernativa Italia- Francia».

» leggi tutto su www.riviera24.it