Economia

Sanità, nel 2030 in Liguria mancheranno 17mila lavoratori. La Cgil: “Cerchiamoli tra i migranti”

Sanità, nel 2030 in Liguria mancheranno 17mila lavoratori. La Cgil: “Cerchiamoli tra i migranti”

infermiera nera sanità

Genova. Entro il 2030 la sanità ligure dovrà colmare una carenza di organico di circa 17.339 persone. È il risultato di uno studio nazionale presentato oggi dal segretario generale uscente della Cgil Liguria, Maurizio Calà, durante la relazione che ha aperto il 13esimo congresso del sindacato al Tower Airport Hotel di Genova.

“La stima che noi facciamo è data dai buchi in organico che ci sono oggi e che sono drammatici, dal personale che servirà per le nuove strutture che sorgeranno con il Pnrr e dal fatto che nei prossimi nove anni circa 8-9mila persone andranno in pensione. Rischiamo di avere un buco di personale drammatico, se non mettiamo da subito i soldi nei bilanci e facciamo i concorsi – spiega Calà – La vertenza salute che dobbiamo lanciare deve partire dai bisogni delle persone per riorganizzare e ridefinire la salute ligure. Siamo in una regione in cui l’accesso alle cure è complicato e il rischio è che ci sia una forte privatizzazione a cui noi ci opporremo. Perché una cosa è il pubblico che deve occuparsi del bene collettivo e un’altra è il privato che si occupa di guadagni”.

» leggi tutto su www.genova24.it