Cronaca

Lo spaccio di crack su Google Maps, l’operazione “alto impatto” e la resistenza delle associazioni: centro storico sorvegliato speciale

Lo spaccio di crack su Google Maps, l’operazione “alto impatto” e la resistenza delle associazioni: centro storico sorvegliato speciale

spaccio centro storico

Genova. Aumentano i controlli delle forze dell’ordine nel centro storico, nei giorni in cui molto si dibatte del dilagante spaccio che ha portato qualcuno, a titolo di provocazione, a indicare su Google Maps un punto di “spaccio di crack” all’incrocio tra via San Luca e vico del Santo Sepolcro, uno dei tanti angoli in cui i pusher si appostano per offrire dosi a turisti e passanti.

La scorsa notte gli agenti della Polizia Locale, in presidio nei vicoli della città vecchia, hanno arrestato un cittadino nordafricano che due settimane fa è stato trovato con alcune dosi di droga ed è riuscito a scappare. L’uomo è stato riconosciuto e bloccato in zona Sottoripa, e aveva con sé circa 40 grammi di hashish. Individuato il suo domicilio a Rivarolo, gli agenti lo hanno perquisito trovandovi altri sei cittadini stranieri senza permesso di soggiorno che stavano occupando abusivamente l’appartamento. Nel corso della stessa operazione nei vicoli, gli agenti della locale hanno anche denunciato due minorenni trovati con alcune dosi di cocaina e hashish nelle calze, mentre per un terzo uomo, arrestato la scorsa settimana e destinatario di un provvedimento di divieto di dimora in Liguria, è stato richiesto un aggravamento della pena.

» leggi tutto su www.genova24.it