Politica

Container per minori, Gambino si difende: “Non pensavo ci fosse conflitto di interesse”

Container per minori, Gambino si difende: “Non pensavo ci fosse conflitto di interesse”

giunta bucci

Genova. Il caso dei minori non accompagnati e l’ospitalità nei container in un’area di proprietà di una ormai ex collaboratrice dell’assessore Rosso torna in consiglio comunale attraverso alcune interrogazioni dell’opposizione non solo all’assessore Rosso, ma anche all’assessore alla Sicurezza Sergio Gambino, che con l’amministratore di Misecoop (la cooperativa che aveva stipulato il contratto con il proprietario dell’area) ha rapporti personali.

Gambino ha risposto alle interrogazioni dei consiglieri Rita Bruzzone (Pd) e Donatella Alfonso (Pd) proprio sui rapporti dello stesso con la cooperativa sociale Misecoop, visto che uno degli amministratori e consiglieri, secondo quanto emerso in questi giorni, è stato suo sostenitore in campagna elettorale: “La cooperativa è di Udine. Conosco molto bene l’amministratore e consigliere della Misecoop Francesco Fracchiolla dai tempi del Morandi. È un governatore della Misericordia e insieme abbiamo svolto volontariato per la Protezione civile, dando un fondamentale supporto all’amministrazione. Con lui ho un rapporto di amicizia e stima profonda. Misecoop mi disse che volevano partecipare al bando per un progetto socio educativo con i migranti in un terreno di cui ignoravo la proprietà e ottenuto in comodato d’uso gratuito per attività sociali. La risposta da amministratore è stata di predisporre la documentazione per verificare i titoli, perché per essere accreditati il bando ha regole rigide e bisogna avere caratteristiche precise. Ho detto loro di avviare l’iter. Poi non ho più saputo nulla e nella fase successiva sono venuto a conoscenza della proprietà dell’immobile. Non ho sottovalutato il conflitto di interessi, sapendo del rapporto contrattuale tra Misecoop e che il terreno fosse in comodato d’uso gratuito non ho ravvisato fattispecie che potessero fare pensare a un conflitto di interesse. Non mi sono posto il problema. Spero di aver chiarito la mia posizione. Ho stima per Fracchiolla e non me ne vergogno. È un imprenditore e un volontario che per la città ha dato quello che poteva dare per superare i momenti difficili che ci sono stati”.

» leggi tutto su www.genova24.it