Un lavoro nato assorbendo Fossitermi, Gli Omini aprono Fuori Luogo con “Al di là della Scorza- Indagine lampo”

Un lavoro nato assorbendo Fossitermi, Gli Omini aprono Fuori Luogo con “Al di là della Scorza- Indagine lampo”

Gli Omini a Fossitermi

Saranno Gli Omini con Al di là della Scorza- Indagine lampo ad aprire la tredicesima edizione di Fuori Luogo, l’ormai storica rassegna dedicata al teatro contemporaneo. Un particolarissimo lavoro pensato e dedicato alla Spezia e in particolare a Fossitermi – quartiere che da sempre ospita Fuori Luogo -, quello proposto dal gruppo toscano (Francesco Rotelli, Giulia Zacchini e Luca Zacchin), che per una settimana ha vissuto nel quartiere abitando ogni bar, negozio, ristorante, panchina e parchetto, rubando alla cittadinanza le sue stesse storie, assorbendo e ascoltando tutto ciò che li ha circondati. E tutto quello che hanno catturato, Gli Omini sono pronti a restituirlo, con appuntamento al Dialma venerdì 13 e sabato 14 ottobre alle 20.30. Prima, alle 19.30, ci sarà l’occasione per il pubblico di Fuori Luogo per un brindisi-aperitivo inaugurale della stagione e per una breve presentazione di tutti gli spettacoli che saranno ospitati a Fuori Luogo 13.

La partenza della nuova stagione della rassegna vedrà al contempo la riapertura dell’auditorium del Dialma, recentemente oggetto di lavori di ristrutturazione ed efficientamento energetico, e l’inaugurazione, venerdì 13 alle ore 12.00, nel foyer, de Il Dialma Café, gestito da Luna Blu, realtà parte integrante della Fondazione AUT AUT, che si occupa dell’inserimento nel mondo del lavoro di ragazze e ragazzi con autismo. Il Dialma Café sarà aperto tutti i giorni e nelle sere di spettacolo fino alla fine degli eventi. Un progetto promosso dall’ATS di gestione de Il Dialma – cantiere creativo urbano (Isforcoop – capofila, e i partner: Cooperativa Zoe, Gli Scarti ETS), in partenariato con Fondazione AUT AUT e Luna Blu; è realizzato con il contributo di Fondazione Carispezia, nell’ambito del “Bando Aperto” e rientra nelle azioni di sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo per i centri culturali nell’ambito del Bando Space. Il progetto ha inoltre il sostegno del Comune della Spezia.

» leggi tutto su www.cittadellaspezia.com