Civico e Impavidi pronti per abbracciare la nuova edizione di “Concerti a Teatro”

Civico e Impavidi pronti per abbracciare la nuova edizione di “Concerti a Teatro”

Concerti a teatro

“Concerti a Teatro”, la stagione di musica classica promossa e organizzata da Fondazione Carispezia, con la direzione artistica di Miren Etxaniz, torna per l’XI edizione con nove appuntamenti in programma da dicembre ad aprile 2024. Sei concerti al Teatro Civico della Spezia e tre al Teatro degli Impavidi di Sarzana per un cartellone di elevata qualità artistica che vuole incentivare l’ascolto dal vivo e la diffusione della musica classica, mettendo in luce in particolare il mondo dei giovani talenti. La rassegna sarà aperta il 22 dicembre al Teatro Civico da Flying Bach, uno spettacolo fuori abbonamento in cui la breakdance si fonde con la musica classica, che ha collezionato sold out nei teatri di tutto il mondo. La crew berlinese dei Flying Steps, quattro volte campione del mondo di breakdance, insieme a una danzatrice di danza contemporanea dialogheranno e balleranno sulla musica di Bach, eseguita dal vivo al clavicembalo, pianoforte e suoni elettronici. Un appuntamento che conferma la volontà della rassegna di aprirsi a proposte innovative e capaci di favorire sempre di più la partecipazione delle nuove generazioni e, allo stesso tempo, di mescolare musica classica e cultura urbana. “Con questa nuova edizione – parola di Andrea Corradino, presidente Fondazione Carispezia – vogliamo continuare ad offrire una stagione concertistica nei nostri teatri, alla portata di tutti, in particolare di studenti e giovani a cui rivolgiamo grande attenzione. Per avvicinare sempre più le nuove generazioni, quest’anno il cartellone si aprirà con un evento coinvolgente che mescola musica classica e breakdance e si affianca ai concerti con rinomati solisti ed ensemble internazionali. Diffondere la musica classica significa valorizzare un enorme patrimonio culturale e il nostro intento con ‘Concerti a Teatro’ è proprio quello di contribuire a tenerla viva e a rendere tutti partecipi del suo valore”.

 

» leggi tutto su www.cittadellaspezia.com