Dalla vaporizzazione ad ultrasuoni alla tintura, restauro conservativo per i cimeli garibaldini del Comune di Lerici

Dalla vaporizzazione ad ultrasuoni alla tintura, restauro conservativo per i cimeli garibaldini del Comune di Lerici

Cimeli garibaldini in Comune a Lerici. Risorgimento. Garibaldi.

Restauro in vista per i cimeli di epoca garibaldina del Comune di Lerici, quali camicia rossa, berretto, fazzoletto tricolore, attualmente ospitati in una teca in prossimità della sala consiliare. L’ente ritiene necessario un intervento di restauro conservativo per assicurare la corretta esposizione al pubblico degli oggetti. Con l’intento di verificare la correttezza delle attuali modalità di conservazione, è stata consultata una esperta restauratrice di tessuti di provate esperienza professionale e perizia, la dott.ssa Claudia Santamaria, con studio tecnico a Genova, la quale ha indicato la necessità di sostituire l’attuale teca contenente i cimeli e di provvedere al contempo alla loro spolveratura e pulizia per garantirne il mantenimento e di evitare il deterioramento che potrebbe essere provocato dalla presenza di polvere o parassiti.

La dott.ssa Santamaria ha poi proposto un progetto tecnico per l’intervento di restauro, comprensivo dei materiali, consistente in trasporto, intervento di micro aspirazione, micro spolveratura, vaporizzazione delle pieghe ad ultrasuoni, tintura dei materiali da tessuto, tulle per il restauro, confezione di una nuova camicia da realizzare e porre sotto a quella garibaldina, fermatura a cucito, confezione del supporto interno a misura del cappellino in ovatta e poliestere, relazione conclusiva con foto digitali, protezione totale. Il progetto, acquisito dal Comune di Lerici, come da normativa ha poi ricevuto, richiesta dall’ente comunale, l’autorizzazione della Soprintendenza Archeologica, Belle arti e paesaggio della Regione Liguria. Ieri infine la determina con cui il Comune ha affidato alla dott.ssa Santamaria l’intervento di restauro conservativo come da progetto presentato.

» leggi tutto su www.cittadellaspezia.com