Altre News

Parco eolico di Monte Cerchio, il no corale dalle associazioni ambientaliste per l’impatto troppo disastroso

Parco eolico di Monte Cerchio, il no corale dalle associazioni ambientaliste per l’impatto troppo disastroso

pale eoliche

Cairo Montenotte. “Gli abitanti e i turisti del savonese, di gran parte dell’Alta Langa, delle Valli Bormida e Uzzone e di parte del Basso Monferrato potrebbero presto svegliarsi con l’amara sorpresa di un gigantesco impianto eolico giusto davanti agli occhi. Sette pale di grandi dimensioni, alte oltre 200 metri, che il progetto gestito dall’azienda Windtek di Torino intende collocare al confine fra la Liguria e il Piemonte, nei territori dei Comuni di Cairo Montenotte, Cengio e Saliceto. Le aree individuate sulle alture di Monte Cerchio, non lontano dai ruderi del castello del Carretto, garantirebbero l’impatto particolarmente invasivo dell’iniziativa, destinata a stravolgere del tutto la percezione paesaggistica di luoghi già da tempo apprezzati per la gradevolezza degli orizzonti e per un modello di sviluppo improntato alla qualità della vita a diretto contatto con l’ambiente naturale”.

Ad affermarlo sono l’Associazione Nazionale Italiabio, l’Associazione per la Rinascita della Valle Bormida ODV, l’Associazione Progetto Vita e Ambiente, La Porta sulle Langhe Società Cooperativa di Comunità, La Prima Langa – Osservatorio per il Paesaggio delle Valli Alta Bormida e Uzzone, La Via Aleramica APS, LIPU – Lega Italiana Protezione Uccelli – Delegazione Genova, Parco Culturale Alta Langa associazione no-profit, Valle Bormida Pulita, WWF Italia – Delegato Liguria.

» leggi tutto su www.ivg.it