Altre News

Giornata mondiale dell’autismo, la parola agli esperti liguri sulle nuove linee guida

Giornata mondiale dell’autismo, la parola agli esperti liguri sulle nuove linee guida

autismo

Genova. Il 2 aprile ricorre la Giornata sulla consapevolezza dell’autismo, appuntamento annuale che pone l’attenzione sulla tematica. Tra le professioni sanitarie coinvolte nella gestione dell’autismo vi sono gli educatori professionali, i tecnici della riabilitazione psichiatrica, i terapisti della neuro e psicomotricità della età evolutiva e logopedisti. La parola alle commissioni di albo afferenti all’area della riabilitazione dell’Ordine TSRM e PSTRP delle province di Genova, Imperia e Savona.

“La Giornata sulla consapevolezza dell’autismo quest’anno assume una connotazione particolare: siamo a meno di cinque mesi dalla pubblicazione delle nuove linee guida sulla diagnosi e il trattamento dell’autismo, e siamo nel pieno di una bufera politica sul tema – dichiara Mario Saiano, presidente della commissione di albo degli educatori professionali – è infatti di pochi giorni fa la notizia relativa all’istituzione di un gruppo di lavoro, in seno al Ministero della salute, che avrà come obiettivo una indagine rispetto all’utilizzo e all’applicazione dell’intervento comportamentale personalizzato basato sui principi ABA – Applied Behavioral Analysis, che, tradotto in maniera letterale, significa analisi applicata del comportamento. Questa scelta ministeriale ha trovato una dura replica nelle Associazioni tecnico scientifiche pertinenti alla materia, che in un comunicato emesso l’11 marzo scorso, hanno ricordato l’importanza di osservare e valutare stanziamenti funzionali proporzionati per tutti gli interventi che, secondo le linee guida, dimostrino una efficacia riabilitativa. Se così non fosse, perderebbe di potenza e utilità il costoso meccanismo delle linee guida: una macchina complessa, a livello di tempo e professionalità, che costituisce di fatto la garanzia dell’imparzialità nella definizione dei percorsi di cura del nostro paese, il frutto della preziosissima Legge Gelli”.

» leggi tutto su www.genova24.it