Ottomila passi: sabato 18 maggio mangia e cammina tra i limoni a Monterosso

Ottomila passi: sabato 18 maggio mangia e cammina tra i limoni a Monterosso

Limoni di Monterosso

Arriva il giorno in cui, a Monterosso, i gialli dei limoni si mostrano “da un malchiuso portone / tra gli alberi di una corte”. Il giorno è sabato 18 maggio, giornata in cui, a partire dalle 10 del mattino, partirà l’ormai tradizionale passeggiata enogastronomica culturale all’interno del borgo rivierasco, alla scoperta dei carruggi e degli antichi limoneti. Un percorso di circa 4 ore e mezzo adatto a tutti, la cui peculiarità è il profumo di limone che accompagna i circa 8000 passi tra storia, tradizioni, specialità della gastronomia locale. L’itinerario si snoda in paese sulle orme del premio Nobel della Letteratura Eugenio Montale, il quale nel borgo rivierasco aveva la casa delle sue “estati lontane”, “là nel paese dove il sole cuoce e annuvolano l’aria le zanzare”.

“Lungo il percorso si scopriranno aneddoti e dettagli che non si trovano né nei libri di storia né nel mare magnum di internet – promette Camilla Moggia, referente dell’evento per la Pro Loco di Monterosso -. Soltanto i monterossini possono raccontare il vero rapporto tra Montale e Monterosso. Soltanto in un orto monterossino si può scoprire come coltivare i limoni in modo biologico, come mantenere le piante e i terreni in quello spazio limitato dalla muraglia che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia, per citare ancora il poeta. Questo è il periodo migliore per festeggiare il frutto più giallo: per dimensioni, profumi, gusto del limone che non è troppo acidulo, per la qualità della buccia ricca di oli essenziali, per la bellezza della pianta che vive il suo momento più splendido, con foglie nuove di un verde brillante, rami carichi sia di fiori che di frutti”.

» leggi tutto su www.cittadellaspezia.com