Cronaca

Lavagna: recuperata e sequestrata l’auto finita in mare; sempre gravi mamma e figlio

Lavagna: recuperata e sequestrata l’auto finita in mare; sempre gravi mamma e figlio

Generico giugno 2024

Stamattina i sommozzatori dei vigili del fuoco di Genova hanno imbragato l’auto precipitata in mare dalla banchina del porto di Lavagna con un’intera famiglia di cinque persone a bordo. L’auto è stata poi tirata a riva con l’autogrù degli stessi vigili del fuoco; l’hanno consegnata alla Capitaneria di porto che l’ha posta sotto sequestro. Nel corso delle indagini, la Procura potrebbe disporre una perizia per verificare se qualcosa non ha funzionato a causa della rottura di parti meccaniche. Appare infatti incomprensibile come l’auto, dopo avere divelto una “colonnina” dell’acqua potabile e avere scontrato una bitta, sia finita in mare.

E permangono sempre gravi le condizioni della mamma e del figlio di sei anni rimati incastrati nell’abitacolo e liberati da un sommozzatore del porto, presente casualmente sul posto, ma dopo oltre otto minuti che i due si trovavano tre metri e mezzo sott’acqua. Soffrendo di ipotermia, con i polmoni pieni d’cqua, in arresto cardiocircolatorio e l’assenza di ossigenazione al cervello. Portati in banchina e rianimati, la mamma è ricoverata in rianimazione a Lavagna e il bambino al Gaslini; tutti e due in condizioni disperate. Gli altri tre membri della famiglia erano riusciti a liberarsi grazie all’apertura di una portiera.

» leggi tutto su www.levantenews.it