Cronaca

La Guardia Costiera spezzina scova mezza tonnellata di pesce non fresco a Cremona

La Guardia Costiera spezzina scova mezza tonnellata di pesce non fresco a Cremona

Guardia Costiera, controlli sulla filiera ittica

Gli ispettori della Guardia Costiera Spezzina, la cui competenza giurisdizionale si estende anche all’intero territorio delle province di Parma, Cremona, Reggio Emilia e Modena, hanno posto in essere, di concerto con il personale del distretto veterinario di Cremona di ATS Val Padana, una serie di controlli mirati nella città del violino. Il dispositivo messo in campo ha portato al sequestro di un notevole quantitativo di varie specie ittiche tutte di origine extra Ue e, come tale, “non fresco”, per un ammontare complessivo di oltre mezza tonnellata, tra prodotto risultato in cattivo stato di conservazione, ovvero scaduto o sprovvisto della prevista documentazione di tracciabilità.

Gli accertamenti, eseguiti presso diversi operatori economici (tra cui supermercati e ristoranti “etnici”, grossisti, ecc.), sono state elevate sanzioni amministrative per 20.800 euro. In un caso è stata disposta anche la chiusura di un esercizio di ristorazione “etnica”, per gravi e non immediatamente sanabili mancanze di carattere igienico-sanitarie.

» leggi tutto su www.cittadellaspezia.com